Of songs, swans and rosemary

Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Tonight I wanted to tell you about a new little Irish adventure of mine. The location is again Ballina, Mr J’s hometown.

I have spent the last week-end here.

I could tell you about the lovely walk along the river Moy, coming back just before dark. I think my subconscious was looking for a somewhat thrilling danger, advising me to waste time taking some beautiful instagrammable pictures while Mr J kindly invited me to get moving.

No, this time I won’t tell you about wanderings and journeys to the past, but about people.

Saturday night, in a pub, listening to some good music. Music ends, the pub is about to close, but it’s still too early for everyone to go home.

Mr F, one of Mr J’s friends, invites us and four more people to go to his house.

20882916_10214126183210040_2133114305848775501_n

This is a very nice apartment overlooking the river, with some old elements that catch my attention straight away: an old telephone, an old radio, an old lamp, candles on the mantelpiece.

Mr F tells me of the beautiful flowers (Alliums, I think) picked out his dad’s house and arranged there, in the middle of the living room table, five days before and still flawless.

We choose our place, the group divides between a couch and the chairs by the table close to the window. I always find it interesting to notice how people pick their own place in a room.

I spot binoculars on the table, I take them and go to observe the details of a shiny half moon reflecting on the water. Mr F comes closer and tells me of a swan he watches every day. That’s what the binoculars are for. The swan lost his/her partner and is always on his/her own on the river. He is writing a poem about it, about the thoughts that lonely creature made him having upon himself.

20842033_10214126184410070_4480700501023502297_n

“It’s a creative need”, he explains, “I go back to that poetry constantly. It takes time and dedication. My ex wife once asked me if I was losing my mind”.

I look around. Somebody is drinking vodka, someone else has a can in his hand, and then there is myself with a tonic water. Because, as Mr J always says, I’m Italian and I can’t drink.

A big bearded man struggles to find his place. He is standing in unsteady balance, pondering if sitting down on a candle or crashing on me. He is like a weird connection between the people sitting on the couch (a couple I have never met before) and us by the table. He moves in a funny undulating way, balancing a can of beer on the palm of his hand.

Mr F tells me something about the past of that soul in torment. He looks like being totally lost in his world.

In all of this, there has to be music.

Our host selects the songs, following these steps: he explains the main theme of the song to me, highlighting some passages I would have to pay more attention to (he gave me even more details when he understood I was not able to follow the lyrics), and lets everybody else comment.

It goes without saying that everyone there is a music expert.
It goes without saying that I am the only complete incompetent. Advantage for me! I have everything to learn!

Mr F reaches out to a second vase full of rosemary. He picks a few leaves, rubs them between his hands and gives them to the others, who do the same. Here a series of naturalistic comments start, from the superiority of nature to the purity of essential oils… It sounds so funny now, it seemed so natural there!

And it’s 5am.

Mr J once told me that in the Irish etiquette is considered bad behaviour to be the first person to leave a place you have been invited to. I trusted it wasn’t just something he made up that time just to have a couple of more pints. I confess I’m not too disappointed when our host announces the last song of the night.

It is decided that the drunk giant will sleep in Mr F’s house. When I say bye to him, he whispers in a strikingly sober tone: “Don’t worry, I’m safe here”.

Good night, or good morning, and to the next episode!

Moonily Yours,
Serena

20840846_10214126181610000_3220955457195489101_n

Oggi volevo raccontarvi un’altra mia piccola avventura irlandese. La location e’ ancora Ballina, la cittadina dove abita Mr J.

Ho trascorso qui lo scorso weekend.

Potrei raccontarvi della passeggiata lungo un sentiero sul fiume Moy da cui siamo tornati appena prima che calasse il buio. (Credo che il mio subconscio davvero cercasse un po’ di brivido del pericolo, spingendomi a perdere tempo a far foto instagrammabili mentre Mr J mi invitava molto gentilmente a sbrigarmi).

E invece no, questa volta non parlerò di passeggiate e scoperte del passato, ma di persone.

Sabato sera, si è in un pub, si ascolta buona musica. La musica finisce, il pub deve chiudere, ma per tutti è ancora troppo presto per tornare a casa.

Così, Mr F, amico di Mr J, invita noi e altre quattro persone ad andare a casa sua.

E’ un appartamento molto carino sul fiume, con alcuni elementi vintage che attirano subito la mia attenzione: un vecchio telefono, una vecchia radio, una vecchia lampada, candele sulla mensola del camino.

Mr F mi racconta dei bellissimi fiori (Allium, credo) raccolti a casa del padre e messi lì, al centro del tavolo della sala ben cinque giorni prima e ancora intatti.

Prendiamo posto, dividendoci tra il divano e un tavolo vicino alla finestra. Trovo sempre interessante notare come le persone scelgano sempre il posto più adatto a loro.

Vedo un binocolo sul tavolo, lo prendo e mi affaccio a guardare i dettagli di una luminosa mezza luna e il suo riflesso sull’acqua. Mr F mi si avvicina e mi racconta di un cigno che ha modo di osservare sul fiume, ogni giorno. Mi dice che ha perso la sua compagna (o compagno), e se ne sta sempre lì, solitario. Sta scrivendo una poesia su quel cigno, e sulle considerazioni che ha avuto modo di fare su se stesso grazie alla sua presenza costante.

“E’ un bisogno creativo”, mi spiega, “Torno su quella poesia di tanto in tanto. Ci vuole tempo. La mia ex moglie una volta mi ha chiesto se non stessi diventando matto”.

Mi guardo intorno. C’è chi ha in mano un bicchiere di vodka, chi una lattina di birra, e poi ci sono io con l’acqua tonica. Perché, come dice sempre Mr J, sono Italiana e non so bere.

Un omone alto alto con la barba non accenna a voler trovare il suo posto. E’ in piedi, in precario equilibrio, indeciso se sedersi su una candela o crollarmi addosso. Fa come da raccordo tra le persone sedute sul divano (una coppia che non conoscevo) e noi al tavolo. Fa dei buffi movimenti ondulatori, tenendo in equilibrio una lattina di birra sul palmo della mano.

Mr F mi racconta i retroscena di quell’anima in pena che a me sembra totalmente persa nel suo mondo.

In tutto ciò non manca la musica.

Il padrone di casa sceglie quali canzoni mettere seguendo questo procedimento: mi spiega il tema della canzone che sta per suonare, mi dice di fare attenzione a certi passaggi (quando ha capito che ancora non riesco a seguire le parole delle canzoni che non conosco ha iniziato ad anticiparmi più dettagli), e invita tutti gli altri a commentare.

Inutile dire che la maggior parte delle persone lì presenti sapevano tutto di musica.
Inutile dire che io ero la completa ignorante della situazione. Quindi in vantaggio! Avevo tutto da scoprire.

Mr F allunga una mano verso un secondo vaso con dei rami di rosmarino. Ne strappa qualche foglia, se le strofina tra le mani e le passa agli altri che fanno lo stesso. Lì partono commenti sulla superiorità della natura, sul profumo inebriante e la purezza degli oli essenziali… Il tutto suona molto strambo ora, ma in quel momento sembrava del tutto naturale.

E si fanno le cinque del mattino.

Una volta Mr J mi ha spiegato che nell’etichetta irlandese è considerata cattiva educazione andarsene per primi quando si è invitati, che sia a casa o in un pub. Non nascondo che quando Mr F annuncia l’ultima canzone della serata tiro un impercettibile sospiro di sollievo.

Si decide che il gigante ondeggiante con la birra in equilibrio sulla mano resterà a dormire lì. Quando lo saluto mi abbraccia, e mi sussurra in modo sorprendentemente sobrio: “Tranquilla, sono in buone mani”.

Buonanotte (o buongiorno), e al prossimo episodio.

Lunaticamente Vostra,
Serena

 

I’m an island

Tags

, , , , , , , , , , , , , , ,

I have always loved islands.
I have always been attracted to them.20525787_10214003464182141_4302166772671889156_n

When I was a child I used to travel every summer with my family to Pantelleria, in Sicily, where my dad comes from. I remember I used to consider this my real home.

And my home has now moved to another island: Ireland!

Being a child I loved to feel isolated from the rest of the world, and at the same time I dreamt of the day I would have sailed away on that boat I could see far away.
I guess there is also a cosy familiar feeling in the idea of an island, like when you are in your home sweet home and what is outside doesn’t matter anymore.

But there is more than all that.

P1130944

It’s like a silent shiver you cannot clearly feel down your spine, but in the back of your mind you know it’s happening. It’s linked to a primordial instinct of survival.
Nowadays we hardly stumble by chance on the shores of desert islands, but in the past it happened. And the first thought was the need to survive unknown challenges, the need to be prepared to cope with anything on your own.

Growing up I have learnt how to be an island. It might have been delusions from people, or just me setting too high expectations. I have learnt that I could trust others, but up to a point. I have always felt the need to be ready to rely on myself and my capabilities first of all. Only then I could decide if delegating to others who looked ready to help.

It’s the protective vegetation that grows on a small, sparsely populated island.

19424265_10213586869687539_7873046527852441703_n

The weather can also change. At times the patch of land becomes unreachable, while other times it even connects to the main land. It usually depends on the moon.

Don’t get me wrong, I also give all of myself to my best friend or to true love. But I know we change, and the other we love change too. Sometimes so much that we can’t recognize each other anymore. And we should learn to accept that this is normal, it’s nature.

This is why I love islands. This is why I feel like an island.

Sometimes it can be hard, but I usually love it!

What about you? Do you feel more like an island or the main land?

Moonily Yours,
Serena

***

Ho sempre amato le isole.
Mi sono sempre sentita attratta dalle isole.

20525370_10214003492902859_5637556892724542798_n

Quando ero una bambina, ogni estate andavo a Pantelleria con la mia famiglia, isola dove mio padre è nato. Ricordo che consideravo quella come la mia vera casa.

E quella casa adesso l’ho trasferita su un’altra isola: l’Irlanda.

Da piccola amavo sentirmi isolata dal mondo, ma allo stesso tempo sognavo il momento in cui avrei anch’io preso il largo a bordo di una di quelle barche che vedevo all’orizzonte.

Credo ci sia anche un senso di intimità familiare su un’isola. Come quando sei nella tua casa dolce casa e il mondo fuori non conta più.

Ma c’è più di tutto questo.

P1130945

E’ come un brivido silenzioso che inavvertitamente ti percorre la spina dorsale, e lo percepisci solo in qualche angolo recondito della mente. E’ come se fosse legato a un istinto primordiale di sopravvivenza.
Al giorno d’oggi è raro approdare per caso su un’isola deserta, ma in passato accadeva. In quel momento il primo pensiero sarebbe stato rivolto al bisogno di sopravvivere a sfide imprevedibili, il bisogno di esser pronti a far fronte a qualsiasi difficoltà da soli.

Crescendo ho imparato a essere un’isola. Sarà stato per delusioni subite, o solo io che mi aspettavo troppo dagli altri. Ho imparato a fidarmi degli altri, ma fino a un certo punto. Ho sempre sentito il bisogno di sentirmi in grado di fidarmi di me e delle mie abilità prima di tutto. Solo in un secondo momento posso decidere se delegare agli altri un po’ di responsabilità.

E’ come la vegetazione protettiva che prospera su una piccola e poco popolata isola.

Anche il tempo può cambiare. A volte quella macchia di terra diventa irraggiungibile, mentre altre volte appare addirittura collegata alla terraferma. Di solito dipende dalla luna.

Non fraintendetemi, anch’io sono pronta a dare tutta me stessa per amici e amore. Ma so anche che tutti noi cambiamo, a volte così tanto da non riconoscerci più a vicenda. Dovremmo tutti imparare ad accettare ciò come qualcosa di umano, naturale.

Ecco perché amo le isole. Ecco perché mi sento un’isola.

A volte può essere difficile, ma di solito mi piace!

E voi? Vi sentite di più isola o terraferma?

Lunaticamente Vostra,
Serena

Once upon a July

Tags

, , , , , , , , , , , , , , , ,

Best of July! This is too easy!

Two great things happened in July, and both of them made me feel so enthusiastic and deeply serene.

The first event was the wedding of my friend Giovanna.20225705_1838142059836467_909321692700999680_n

I have to say I hate weddings. I don’t like spending time with too many people in a formal occasion that requires a studied outfit, hair, make-up, shoes…

In fact, I have never bought a dress just because of a wedding, never went to the hair dresser just because of such a day coming up. I think it has always been my way to express my aversion to them.

This one was a total surprise!

The location was so nice, with a beautiful garden and a swimming pool; the food was very very good and not too much (as it always happens at Italian weddings), and finally the fact that I was with my friends at a friend’s celebration was the best point.

20213938_1975997899298531_2230015421732356096_n

The main theme was the sea (in particular boating knots!), and all the decorations were very simple and delicate.

But the main feature was the swimming pool, which saved our lives on a very hot day of July. The couple was among the first few people to jump in, and the rest followed (even in their dresses, like myself).

So finally I can say I liked a wedding!

***

The second highlight was my holiday in Pantelleria, Sicily.

20214176_221389511718353_4692739528840970240_n

When I was a child I used to spend there a couple of weeks with my family every summer.

Then you know, you grow up, you moved to a different country, you want to use your holidays to know other places… So for two years I never had the chance to fly there.

20394172_1242145872561965_5652124554345054208_n

This time I spent five intense days on the “Island of the wind”, or the “Black pearl of the Mediterranean”, to proof that it is so true when they say that in order to appreciate something you have to lose it, even if only for a while.

20590001_453078961728975_6660533105364828160_n

Faraglione

I realised that throughout the years I had grown used to it, and I was unconsciously missing her full beauty.

After closing my eyes for a while to that view, I felt a deep amazement opening them up again.

20394237_1301866103268573_572857699943841792_n

Pantelleria is still a wild island closer to Africa than to Sicily, not too easy to reach, expensive enough for tourists. It was even wilder when I was a child, and I hope she won’t change too much in the future. I know for the locals it would be great to improve the tourism, but the selfish Serena hopes a lot of people will forget about her for a little longer.

Tell me about yourself. What is the wild place of your memories you would like to keep unchanged?

Moonily Yours,
Serena

20525370_10214003492902859_5637556892724542798_n

Can you see the elephant’s face?

***

Il meglio di Luglio! Questa volta è troppo semplice!

Durante il mese scorso sono successe in particolare due cose, ed entrambe mi hanno donato un senso di entusiasmo e profonda serenità.

Il primo evento è stato il matrimonio della mia amica Giovanna.

20525655_10214003489982786_3392919785299181834_n

Devo ammettere di odiare i matrimoni. Non mi piace passare troppo tempo tra tanta gente in occasioni formali che richiedono di indossare capi studiati, avere un trucco curato, il capello perfetto, le scarpe abbinate…

In effetti non ho mai comprato in vita mia un vestito appositamente per un matrimonio, così come non sono mai andata dal parrucchiere per l’occasione. Credo questo sia sempre stato il mio modo di mostrare avversione alla cosa.

Ma questo è stato sorprendente!

La location era bellissima, con un grande giardino e una piscina; il cibo (che lo dico a fare!) buonissimo e le porzioni non troppo abbondanti (non ho visto lo spreco che c’è di solito in tutti i matrimoni italiani), e il fatto che fossi con le mie amiche a festeggiare un’amica è stato l’aspetto principale.

Il tema del matrimonio era il mare, in particolare i nodi. Le decorazioni erano molto semplici e delicate.

Ma l’attrazione principale è stata senza dubbio la piscina, che ha salvato la vita di molti in una calda giornata di Luglio. Gli sposi sono stati tra i primi a tuffarsi, e il resto li ha seguiti (anche nei loro bei vestiti, come la sottoscritta).

Finalmente posso dire di essermi divertita a un matrimonio!

***

Il secondo evento è stata la mia breve vacanza a Pantelleria, in Sicilia.

20479233_1936265443317913_5997504641510670336_n

Da piccola trascorrevo ogni anno un paio di settimane lì con la mia famiglia.

Poi si sa, uno cresce, ci si trasferisce altrove, si comincia a voler sfruttare i giorni di ferie per conoscere altri luoghi… Così in due anni non ho più avuto modo di andare.

20525962_10214003504943160_5152193499799273428_n

Lake “Specchio di Venere” (Venus mirror)

Questa volta ho passato cinque intensi giorni sull’”Isola del Vento”, o sulla “Perla Nera del Mediterraneo”. Posso sottoscrivere che è vero quando si dice che per apprezzare fino in fondo qualcosa dobbiamo perderla, anche solo per un po’.

Mi sono resa conto che mi ero abituata all’isola, e ne stavo inconsciamente ignorando alcuni aspetti.

20526103_10214003471262318_7453928669572900289_n

Chiudere gli occhi per un po’ a quei panorami mi ha lasciata meravigliata al riaprirli.

Pantelleria è ancora un’isola selvaggia, più vicina all’Africa che alla Sicilia, non facilissima da raggiungere, e piuttosto cara. Quando ero bambina era ancora più selvaggia, e spero non cambi troppo nel futuro.

So che per le persone locali sarebbe positivo svilupparne di più il turismo, ma la Serena egoista spera che molta gente si dimentichi dell’isola ancora per un po’.

20526132_10214003497062963_5758726412737207473_n

Ditemi di voi. Qual è il posto selvaggio dei vostri ricordi che vorreste non cambiasse mai?

Lunaticamente Vostra,
Serena

A pre-“holiday” in Co. Cork

Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Any expat knows that going back to their original home doesn’t mean they are going on holiday.
Travelling to our first country means going temporarily back to our old life, it’s a way to see how this has changed while we were away, how the same habits of familiar people have changed too.

This time, for example, I know I will meet two new cats, my sister is almost graduated for the second time, a friend of mine is getting married; I hope to find a slightly cleaner city and more open minded people.

However, this time I decided to take a great, even though very short, real holiday just before that.

I went with Mr J for a tiny tour around County Cork, and here is a summary of what we visited.

KINSALE: The nicest town by the sea with a multitude of brightly coloured houses. What surprised me most was the high quality and variety of craft shops.

20170704_135135
Since we were so lucky to have a car, we drove by the coastline for a while, passing the Old Head of Kinsale, down to a nice beach further on. You know when you want to go round the next turn to see what’s beyond, and then over the next one, and so on? After the stop at the beach we had to force ourselves and turn around.

P1130938

P1130945

But just because the next thing we wanted to see was in the opposite direction! It was getting late, and I sadly tried to suggest to drive back home. Maybe my face was too sad, because Mr J said: “We wanted to go, and we will go!” I love his stubbornness (sometimes)! So we went to Charles Fort, a star shaped fort by the sea, built in 1682.

20170703_171127

Double headed giraffe XD

FOTA Island: I am not a zoo fan. A few years ago I would go mad at anyone telling me that they enjoyed a day among the animals. Then my teenage anger at whatever and whoever quieted down. I still don’t like zoos, but this one is somewhat different.
I could still hear the angry Serena while walking through the Asian Sanctuary, where a couple of lions and a few tigers live (well, kind of live).
But I love the huge space where giraffes and zebras roam, or the big islands for the monkeys, or the fact that lemurs and kangaroos can cross your path at any time.

COBH: The super colourful village by the sea, last stop of the Titanic before it left for the journey towards its sad destiny.

P1130963

P1130982

BLARNEY: This was a disappointment. Do you know those very touristic, expensive destinations? I would summarize it this way: a jumble of typical Irish features: the magic stone you have to kiss, the castle, the druid’s cave, the witches kitchen, the stairs you have to go down and up again backwards and with your eyes closed to bring you good luck, the circle of stones… Well, I have to say the garden was beautiful, and the old trees were really old and impressive.

I also got a new stamp on my Wild Atlantic Way Passport!

cover-1079x675.jpg

I hope to have the chance to go back soon and explore more seaside villages, some more archeology and old natural features.

Are you going on holiday soon? Where?

Moonily Yours,
Serena

***

Tutti sanno che le vacanze nella casa d’origine per un expat non sono mai vacanze. Sono più un ritorno temporaneo alla vecchia vita, un modo per vedere quanto questa sia cambiata mentre noi eravamo via, come le abitudini delle persone a noi prima familiari siano ormai cambiate anch’esse.

Questa volta so che troverò due nuovi gatti a casa, una sorella che è quasi laureata per la seconda volta, un’amica che si sposa, una città spero un po’ più pulita, persone spero un po’ più aperte.

Prima di partire, però, ho pensato bene di farmi una vera (sebbene cortissima) vacanza.

Sono andata con Mr J in County Cork, e questo è un breve riassunto dei posti visitati.

KINSALE: Cittadina carinissima sul mare con una miriade di case dai colori brillanti. Quello che mi ha stupito di più qui è stata la varietà di negozi di artigianato di qualità.

P1130926

20170704_135223

Fortunati ad avere la macchina, abbiamo guidato lungo un pezzo di costa, passando il promontorio dell’Old Head of Kinsale. Sapete quando volete continuare giusto dopo la seconda curva per vedere cosa c’è, e poi dopo quella successiva, e quella dopo ancora? Ecco, così facendo siamo arrivati per caso a una bellissima spiaggia, per poi decidere di forzarci a tornare indietro.

P1130948
Ma solo perché il Charles Fort, che avevamo pensato di visitare inizialmente era nella direzione opposta! Siccome si stava facendo tardi, ho provato a suggerire di tornare a casa. Forse la mia faccia era troppo delusa però, perché Mr J mi guarda e decide che: “Abbiamo detto che andiamo, e ci andremo!” Quanto amo la sua cocciutaggine (a volte)! E così abbiamo fatto una breve visita anche lì, un forte a forma di stella costruito sul mare nel 1682.

FOTA Island: Io non sono una fan degli zoo. Anni fa andavo su tutte le furie sentendo qualcuno dire che aveva passato una bella giornata tra gli animali. Poi la rabbia adolescenziale per il mondo si è affievolita. Gli zoo ancora non mi piacciono, ma questo ha qualcosa di diverso.
Ho sentito urlare la veccia Serena infuriata dentro di me vedendo la nuova sezione dell’Asian Sanctuary, che accoglie (diciamo così) un paio di leoni e qualche tigre.
Mi piace molto lo spazio enorme che hanno giraffe e zebre, le isole regno delle scimmie, o il fatto che lemuri e canguri siano totalmente liberi e te li trovi a saltarti davanti.

20170703_172651

COBH: Il coloratissimo paesino sul mare, ultima tappa del Titanic prima di partire e andare incontro al suo sfortunato destino.

P1130987.JPG

BLARNEY: Questa è stata una delusione. Sapete quelle mete super turistiche, super costose? La riassumerei così: un’accozzaglia di elementi turisticamente irlandesi: la pietra magica da baciare, il castello, la grotta del druido, la grotta della strega, le scale che se le scendi e risali a occhi chiusi e di spalle ti portano fortuna, il cerchio di pietre… Ecco, insomma, il giardino è molto bello. Gli alberi vecchi vecchi sono l’unico vero elemento da ammirare.

Io ho fatto anche mettere un nuovo timbro al mio Passaporto della Wild Atlantic Way, l’itinerario costiero che parte da Cork e finisce su in Donegal.

Spero davvero di tornare a Cork presto. Ho ancora così tanti paesini sul mare, siti archeologici e elementi naturalistici antichi da scovare!

E voi andrete in vacanza presto? Dove?

Lunaticamente Vostra,
Serena

 

We are family!

Tags

, , , , , , , , , , , ,

I recently had the chance to think about the concept of family.cat-mom-1265693_960_720

I am not sure it is something that differs from culture to culture. I rather think that every family is a little unique cosmos.

I will never forget one of my best friends’ parents from when I was a child. Her mum or dad would never leave the house without kissing or having a nice word for each other. That stayed in my mind since then as an example, maybe because in my family it was so different.

I long for an open, declared affection, but due to the way I was indirectly thought while growing up, I’m always very shy to expose myself too much.

My mum would never tell me she missed me, my dad would never say he admires me for what I do. I wouldn’t hug my sister if not for saying hi or goodbye.

That said, in my family we love and admire each other very much. But the way we show it is very different, very reserved, very indirect and not given for granted. Maybe this is the biggest teaching I could get from that.

When I started meeting Mr J’s family, I realised straight away how close all of them are. They are so very openly familiar!

Mr J would say “I love you” to his parents on the phone.

The fact that people of different generations go out and meet together all the time is critical in keeping together big Irish families. But I will come back on this on another post.

Talking about the adult Serena, I’m not good at all in telling other people what my feelings for them are. I’m good in demonstrating it though.

There have been times during my Irish life, when I was left with no words, anxious of what the other person might think of me: “What a cold rude woman!” (That’s not Irish people, just my brain).

Well, I don’t know if I’ll ever learn how to translate feelings into spoken words. What I can hope is that people who I really like will learn to know me and my shy ways.

What is your family like? Open or shy? Tell me your story!

Moonily Yours,
Serena

elephant-family-214476_960_720

***

Ho avuto occasione di recente di riflettere sul concetto di famiglia.

Non sono sicura che sia qualcosa che varia più di tanto tra cultura e cultura. Credo piuttosto che ogni famiglia sia un microcosmo a parte.

Non dimenticherò mai i genitori di una mia cara amica d’infanzia. Sua madre o suo padre non lasciavano mai casa senza darsi un bacio o essersi scambiati una parola carina. Quella scena è rimasta nella mia mente da allora come un esempio, forse perché nella mia famiglia era tutto molto diverso.

Amo tutti quei modi di dimostrare affetto aperti e spontanei, ma dato l’esempio assorbito fin da piccola, sono sempre stata molto riservata e non amo espormi.

Mia mamma non diceva mai che le mancavamo, mio papà non direbbe mai che mi ammira per le mie scelte. Con mia sorella non ci abbracceremmo mai se non per dirci ciao dopo una lunga assenza o arrivederci.

Detto questo, devo chiarire che nella mia famiglia ci vogliamo molto bene e abbiamo stima gli uni degli altri. Lo mostriamo però in modo molto diverso, in modo riservato e dove non si dà nulla per scontato. E quest’ultima cosa è l’insegnamento più grande che ne ho ricavato.

Quando ho iniziato a conoscere la famiglia di Mr J mi sono subito resa conto di quanto fossero tutti così vicini tra loro.

Mr J è abituato a dire ai genitori che gli vuole bene quando è al telefono con loro.

Il fatto che persone di diverse generazioni escano e si incontrino sempre tra loro è sicuramente un punto critico nel tenere insieme queste grandi famiglie. Ma di questo parlerò in un altro post.

Tornando alla Serena adulta, quella non è per niente brava ad esternare quello che prova davanti agli altri. Ma è molto brava a dimostrarlo.

Ci sono stati casi in cui, nella mia vita irlandese, sono stata lasciata senza parole davanti a manifestazioni d’affetto. Da qui l’ansia di cosa l’altra persona potesse pensare: “Che persona fredda e rude!” (Che poi loro non lo penserebbero mai … forse).

Beh, non so se imparerò mai a dar parole parlate a cosa sento, ma spero che le persone che mi piacciono imparino a capire i miei modi timidi.

Com’è la vostra famiglia? Aperta o timida? Raccontate, raccontate!

Lunaticamente Vostra,
Serena

Once upon a June!

Tags

, , , , , , , , , , , , , , ,

Best of June’ time!19424279_10213586867327480_8186879127029451475_n

June highlight was no doubt my birthday (+28!).

It was on a Tuesday, so I went to work as usual and came home to my two feline ladies to a quiet night.

My dad, as he does every year, asked me if time to grow up has finally come. Meaning: time to start taking standard decisions, such as: accepting that it’s not necessary to like your job, that I have to save money like crazy in order to buy a house, to start dreaming of a reasonably near future grandchildren.

Then he looked at my face (=Skype) and, as usual, said: “Ok, maybe next year”.

I smile, as I know he doesn’t really want that for me, but it would be so much easier for him to think that my mind is settled and at peace instead of constantly bubbling with god only knows what new ideas.

I’m happy to just sit down and look around myself on my birthday, looking at the house where I live and that I love so much, at the cats I’m looking after, at the little gifts that caring people gave me during the years and throughout the year, not because of my birthday.

I was happy to receive only some candies and a healthy homemade juice from two

19429567_1889433181304941_3094723038566940672_n

Best bday card!

colleagues of mine, and a birthday card from Mr J.

My mum reminded me of all the birthday pictures in which as I child I’m crying behind a cake, because I didn’t want that day to be celebrated and me being at the centre of attention. Nothing changed I’m afraid.

I think birthdays are a good opportunity to look at time passing by. A moment to stop, look at how we are spending our lives and take decisions on next steps. Maybe to stop with something that looks like a waste of time and energy, and start a new project. Or just a time to get that kick to move on on the same path.

What does this mean for me?

I have realised that for me it’s time to start taking action on a new idea and go on with some of the projects I’m currently working on.

What does your birthday mean for you? Do you usually celebrate it?

Moonily Yours,
Serena

***

E’ arrivato il momento de ‘Il meglio del mese di Giugno”.19554021_10213586868687514_6349437038881832810_n

L’evento principale è stato senza dubbio il mio compleanno (+28!).

Siccome quest’anno è venuto di martedì, sono andata a lavoro come al solito, per poi tornare a casa dalle mie due feline per godermi una serata tranquilla.

Mio papà, come fa ormai ogni anno, mi ha chiesto se fosse arrivato finalmente il tempo di crescere. Con questo intende dire: il momento di prendere decisioni socialmente prevedibili e accettate, come: digerire il fatto che il tuo lavoro non debba per forza piacerti, cominciare a mettere da parte i soldi per comprare casa, iniziare a sognare di dargli dei nipoti in un futuro non troppo lontano.

Poi mi ha guardata in faccia (=Skype) e, come al solito, ha aggiunto: “Ok, facciamo dall’anno prossimo”.

Io sorrido perché so bene come lui non desideri davvero questo per me. Il fatto è che sarebbe di certo molto più facile per lui sapermi con la mente in pace, invece che gorgogliante di solo dio sa quali nuove idee.

Il giorno del mio compleanno mi rende felice guardarmi intorno, osservare la casa in cui vivo e che amo così tanto, le gatte con cui condivido la mia vita casalinga, tutti quei piccolo pensieri che persone speciali mi regalano durante l’anno, non solo per questa occasione.

Sono stata felice di ricevere solo delle caramelle e un salutare succo fatto in casa da parte di due colleghi, e un biglietto di auguri da Mr J.

Mia mamma invece mi ha ricordato di tutte quelle foto in cui da bambina, davanti a una torta, invece di sorridere piango, solo perché non volevo festeggiare ed essere al centro dell’attenzione. Temo che nulla sia cambiato da allora.

Penso che i compleanni siano un’ottima occasione per guardare il tempo scorrere. Un momento per fermarsi a considerare come stiamo vivendo la nostra vita, e prendere decisioni sui prossimi passi. Può essere il momento per smettere di fare qualcosa che appare come una perdita di tempo ed energie, e magari cominciare qualcosa di nuovo. O solo il momento per darsi quella spinta a continuare sulla stessa buona strada.

Cosa significa questo per me?

Io mi sono resa conto che è arrivato il momento di iniziare un nuovo progetto e andare avanti con quelli che ho in corso.

E voi come vivete il vostro compleanno? Di solito festeggiate?

Lunaticamente Vostra,
Serena

A day with Fairies & Father Ted

Tags

, , , , , , , , , , , , ,

If you ever want to visit Ireland and discover her history, you have to want to believe in fairies.

History and magic are so connected, and scepticism is not an option.

19601179_10213600526428949_3883371467992348589_n

I look so tiny! Didn’t know that just walking in a magic field turns you into a fairy!

When I planned a day wandering in lovely lonely fields looking for ring forts and old stones with Mr J, I knew it would have been an enchanting little journey.

“I can feel it, the power of history”, I said entering one of the ancient sites. “They are also called fairy forts, and you can really feel a special power here”, added my very Irish companion.

19510254_10213586871367581_5289793994757204747_n

One of the two ring forts

We trespassed green properties, (me afraid that one of those dogs barking everywhere might appear any moment), walked through grass half my height (glad that St Patrick got rid of snakes a while ago), climbed ditches, found two ring forts and risked to disturb a badger spying into his den digged on a side of that old place.

Any signs of magic?

This slideshow requires JavaScript.

A thorn weed tried to steal my scarf, its grip so strong that it felt like a hand was pulling it, and Mr J lost his sunglasses, declaring: “I told you, the fairies must be annoyed at us”.

What does a ring fort look like?

It’s a round structure of earth and rarely stones, with an external ditch all around. You can find thousands of them all around Ireland, but of course they are usually part of private properties, and they are not easy to access.

Iron age people would use them to live and protect themselves and their cattle, or use them as sacred areas.

The two ring forts we found are now unfortunately overgrown, but we managed to enter the outer part of one of them, and my partner in adventures told me he remembered an old stone being in the middle of it. Probably a druids site.

This slideshow requires JavaScript.

Back to a real world’s country road, we kept walking to Mr J’s parents’ house, a nice building surrounded by a wonderful garden, where I had the chance to grow my herbarium leaves collection.

We drank a lot of tea and watched Father Ted. “My lovely horse” episode, to be precise, in case you want to give it a go.

Anything more Irish than that?

19511395_10213577033881650_2344630330442400264_n

Joyce’s orchids window!

Mr J senior gave us a lift to town, and while driving he told us that: “There was another fairy fort on this road, but they destroyed it. The man died in an accident. Everyone knows nothing good comes from doing something like that. Whether it’s true or not, I don’t know”. I’m sure he knows it’s true. And I’m happy that superstition is keeping history alive.

We finished the day watching people fishing on the river at sunset.

19437369_10213586866407457_910109494668974372_n

I’m only joking, of course!

The day actually finished in a pub, with some great music and a good pint.

Slainte!

Moonily Yours,
Serena

***

Se mai voleste visitare l’Irlanda e scoprirne la storia, dovrete essere pronti a credere nelle fate.

Storia e magia sono strettamente legati, e lo scetticismo non è ammesso.

Mentre pianificavo una giornata di esplorazioni in solitari campi verdi alla ricerca di fortini e pietre antiche con Mr J, sapevo che sarebbe stato un piccolo affascinante viaggio.

“Posso sentire il potere della storia”, dico io accedendo al sito archeologico. “Sono anche chiamati forti delle fate, e se ne percepisce davvero la magia”, aggiunge il mio compagno super irlandese.

This slideshow requires JavaScript.

Scavalchiamo fili spinati, violiamo verdi proprietà private (io temendo di ritrovarmi davanti uno di quei cani che non smetteva di abbaiare), camminiamo tra l’erba alta quasi quanto me (grati che St Patrick abbia scacciato i serpenti dall’Irlanda centinaia di anni fa), ci arrampichiamo per risalire canali, troviamo due fortini coperti da un intrico di vegetazione e rischiamo di disturbare un tasso spiando nella sua tana scavata su un lato dell’antico sito.

Un rovo cerca di rubarmi la sciarpa. Tira talmente forte da ricordarmi la presa di una mano umana. Mr J perde gli occhiali da sole, e dichiara: “Te l’ho detto, dobbiamo aver fatto arrabbiare le fate”.

Ma come è fatto un ring fort?

E’ una struttura rotonda in terra, raramente si trovano i resti di mura in pietra. Di solito ha un canale scavato nella parte più esterna.

Venivano usati nell’età del ferro per vivere protetti con il bestiame, o frequentati come luoghi sacri.

E’ un peccato che i forti siano ormai inaccessibili nella parte più interna a causa della vegetazione, ma noi siamo comunque riusciti a passeggiare nel canale esterno della struttura. Mr J ricorda che in passato una grande pietra fosse visibile al centro. Probabilmente un sito druidico.

Continuiamo a camminare fino alla casa dei genitori di Mr J, circondata da un giardino magnifico, dove faccio incetta di foglie per il mio erbario.

Qui beviamo tanto tè e guardiamo Father Ted. Per la precisione, l’episodio intitolato “My Lovely Horse”, nel caso vorreste guardare qualcosa di super Irish.

Mr J padre ci dà un passaggio in paese, e mentre guida ci racconta che: “Fino a poco tempo fa c’era un altro fortino qui, ma il proprietario del terreno lo ha distrutto. Poi ha avuto un incidente. Non ne viene niente di buono a fare queste cose. Se sia vero o no, non lo so dire”. Sono certa che lui pensi sia vero, e io sono felice che la superstizione stia salvando la storia.

19437369_10213586866407457_910109494668974372_n

La giornata è finita guardando i pescatori sul fiume al tramonto e i salmoni risalire la corrente.

No, sto scherzando!

La giornata è finita al pub, con ottima musica e una buona pinta.

Slainte!

Lunaticamente Vostra,
Serena

 

Expat daughter of Italian parents. How it works

Tags

, , , , , , , , , , , , , ,

Today I’m going to tell you what is it like to be an expat daughter of Italian parents. luggage-1650171_960_720Being parents of an Italian expat is not an easy job. They start planning the visit to your new country months in advance, mainly because they have to decide what to store for you in their big luggage.

So, here is the key question that they can’t wait to ask you: “What can we bring you? What do you need?”

You will all know by now that if I live in Galway is for pure love. It all started because of the love for this city, and love for myself. Yes, I ran away from Italy because I luckily love myself. You can imagine my mum’s reaction to my answer: “I don’t need anything”. She bursts in a loud: “What are you talking about?! I’ll warn you, I’ll figure it out myself, ha!”

At this true threat I start thinking seriously, and I come up with something: coffee and honey. I find them here too, of course, but they are much more expensive (always bear in mind that they are paying for the luggage boarding anyway). In my naive mind I imagine tons of honey and coffee at their arrival.

My mum sounds happy, and adds: “I’ll also bring you a light bed throw that you can use in summer instead of the duvet”. I tell her that it’s a good idea and I will be able to sleep better in the couple of weeks (not in a row) of summer we have around here.

She gave her best calling me from a pharmacy a couple of days before leaving, saying: “Serena, I’m in a pharmacy. Do you need anything?”

Yes, my parents really think I live in the middle of nowhere, surrounded by celtic barbaric farmers. (They were here before by the way. The power of subconscious).

They are finally here. We open the luggage.

What do I find there?

ONE double pack of Lavazza coffee and TWO jars of honey. Utter surprise and disappointment.

Any kind of disparate food and toiletries come out of there, including: shower gel, shampoo, conditioner… everything very fancy and organic (at least), the famous bed throw, a typical Italian Easter cake (that I never liked), a pair of elegant shoes I hadn’t worn in years, cocoa powder, pasta, similar more pointless stuff.

Something I had told my mum before they started packing was: “Mum, I just found out I’m intollerant to gluten”.

My mum looks at my face, and asks: “Well? Don’t tell me you are not happy now!”

I explain I will make some other friends happy with those bountiful supplies, keeping the only two things I had asked for: coffee and honey.

I’m afraid they will never understand that this is the only place where I don’t miss anything. After all, the communication was disturbed already when I used to live close, let alone now!

And this is how I feel every time they leave: guilty for being ungrateful and exausted.

To all you expat out there: how do your families act in relation to your move?

Moonily Yours,
Serena

Bluebell_line_train_luggage

***

Essere genitori italiani di figli expat non è mestiere semplice, soprattutto quando per venire a trovarti devono cominciare a pianificare settimane prima per studiare nel dettaglio con cosa riempire la valigia inutile che hanno deciso di pagare per imbarcare sull’aereo.

Cominciano a farti la fatidica domanda in largo anticipo: “Cosa ti serve?”

Ormai saprete bene che io mi sono trasferita a Galway per amore, che è amore per la città e per me stessa. Sì, me ne sono scappata dall’Italia per amor proprio. Perciò, quando a quella domanda rispondo: “Non mi serve niente”, la reazione di mia madre è un urlo di scandalizzata sorpres: “Ma cosa dici?! Guarda che faccio a modo mio!”

E quella è una vera e propria minaccia. Allora comincio a riflettere seriamente, e mi vengono in mente due cose: caffè e miele. Non che non si trovino, ma sicuramente in Italia costano meno (ma tenete conto che stanno pagando per imbarcare la valigia). Nella mia mente ingenua immagino chili di caffè e miele.

Mia mamma è contenta, e aggiunge: “Ti metto anche un copriletto leggero, così lo usi in estate”. La faccio contenta e le rispondo che forse avrò occasione di usarlo per quella lunga settimana d’estate irlandese che prima o poi arriverà, ma per cui non prego.

Il massimo è stato quando un giorno mi chiama dicendomi: “Serena, sono in farmacia. Devo portarti qualcosa da qui?”

I miei genitori pensano che viva davvero sperduta in un paese barbaro popolato da pecore su distese desolate.

Arrivano. Entriamo in casa. Apriamo la valigia.

Cosa ci trovo?

Una confezione doppia di Lavazza e due barattoli di miele. Profondo sconcerto e sconforto.

Vedo uscire fuori di tutto, tra cui: bagnoschiuma, shampoo, balsamo, sapone intimo, tutto molto fancy e biologico; il famoso copriletto che è troppo fino anche per l’estate di qui; una colomba pasquale (che non mi è mai piaciuta); scarpe eleganti estive che non usavo da anni; cacao in polvere; pasta; altre cose inutili.

Ora, una cosa che avevo detto a mia madre prima che partissero era stata: “Mamma, sono diventata intollerante al glutine”.

Mia mamma guarda la mia faccia e comincia ad alterarsi: “Beh? Non mi dire che non sei contenta?!”

Le ho spiegato che farò contenta qualche amica ridistribuendo i viveri, e mi terrò stretta le uniche due cose che avevo chiesto: caffè e miele.

Capiranno mai che vivo qui perché è l’unico posto in cui davvero non mi manca niente? Ma, in fondo, non mi hanno mai ascoltato quando ero vicina, figuriamoci quanto è disturbata la comunicazione adesso!

Così, alla loro partenza mi sento puntualmente esausta e una figlia ingrata.

Chiamando tutti gli expat: come interpretano il vostro espatrio le vostre famiglie?

Lunaticamente Vostra,
Serena

Once upon a May

Tags

, , , , , , , ,

I am very late for this best of the month, but here I am with the best of May!Dark Bloom Baby Rose Stock Rose Bud Blossom

It was for sure a busy one, mentally and physically speaking.

My parents came to Galway for a week, but I’ll talk about this in another post. I get on very well with my family from a distance, but every time we come closer I turn a bit anxious. It’s mainly because of the way we look at life, from totally different and incompatible angles.

No doubts, I’m always happy to see them, but it makes me exhausted.

The second half of the month was quite tricky. I was sucked down that black hole that from time to time comes and hides any motivation, project and perspective from my sight.

Only today I decided I want to be grateful to May for this.

Yes, “I decided” and “want to be”, because it’s entirely up to us the way we end up seeing and accepting life.

Then, after a few shadowy days, I started spotting sparks. They came from people I love and who love me, from the objects that make my home cosy to me, from deciding to get involved in initiatives that will help to give a direction to my projects.

These times are never easy to overcome, as then the mind doesn’t work properly, and it looks like some things just happen by chance. June is the time to put the fragments together again and go back on my track, which is a windy road, but I like it this way.

Curious to hear how your May was!

Moonily Yours,
Serena

***

Beauty Faith Smile Hope Sky Brench Nature

Beauty Faith Smile Hope Sky Brench Nature

Ho tardato a scrivere questo post sul meglio di Maggio.

E’ stato un mese impegnativo, per mente e fisico.

I miei genitori sono venuti a Galway per una settimana, e di questo parlerò un’altra volta. Vado molto d’accordo con la mia famiglia a distanza, ma ogni volta che ci riavviciniamo mi viene un po’ d’ansia. E’ principalmente per il modo del tutto diverso e incompatibile che abbiamo di concepire la vita.

Senza dubbio mi fa piacere vederli, ma ne esco sempre stremata.

La seconda metà del mese è stata piuttosto difficile. Sono stata risucchiata in quel buco nero che si apre di tanto in tanto, nascondendo alla mia vista tutto ciò che mi fa sentire motivata, ogni progetto, ogni prospettiva di qualsiasi genere.

Solo oggi ho deciso che è proprio per questo che voglio essere grata a Maggio.

Sì, “ho deciso” e “voglio essere grata”, perché sta a noi in che prospettiva guardare e accettare la vita.

Dopo qualche giorno di ombre ho cominciato a vedere delle piccole scintille, nel supporto delle persone che amo e che mi amano, negli oggetti che rendono la mia casa un posto accogliente per me, scegliere di coinvolgermi in iniziative che aiuteranno a dare nuove prospettive ai miei progetti.

Non è facile, perché in quei momenti la nostra mente non funziona come dovrebbe, e certe cose semplicemente sembrano accadere in modo casuale. Giugno è il momento per mettere insieme i frammenti e ritornare sulla mia strada. Una strada piena di curve, ma a me piace così.

Curiosa di sapere come è stato il vostro Maggio!

Lunaticamente Vostra,
Serena

Take pics like a pro, in Ireland

Tags

, , , , , , , , , , , , ,

Happy Thursday!

For today I have decided to put together a photo album using the pics I’ve taken in my touristy weekend with my friend last week.

I have to say, taking very nice pics in Ireland is way too easy!

Moonily Yours,
Serena

***

Buon Giovedì!

Oggi ho pensato di mettere insieme un mini album di foto scattate lo scorso weekend, quando ho fatto la turista in Irlanda con la mia amica.

Devo dire che in Irlanda è fin troppo semplice fare belle foto!

Lunaticamente Vostra,
Serena

18402554_10213117762920163_7007163137151361205_n

Barna Woods

18341983_10213117761960139_6683338311979170143_n

Silver Strand, Barna

This slideshow requires JavaScript.

Cliffs of Moher

18194222_10213005981605700_4806691747820771046_n

18423787_10213117767360274_2010986151236350053_n

Burren castles

18342210_10213117768200295_4924633681173667819_n.jpg

Dolmen in the Burren